LE MIE RACCOLTE →
Tetù siciliani (biscotti dei morti)

Tetù siciliani (biscotti dei morti)

I tetù e teio siciliani sono tra i dolci dei morti più amati in Sicilia. In particolare i tetù sono caratterizzati da una glassa e un impasto al cacao, sono morbidi e così pastosi che si sciolgono in bocca. Insieme alle taralle solitamente arricchiscono il cosiddetto "cannistru" che si prepara per i bambini.
Play Video
PREPARAZIONE
COTTURA
DIFFICOLTA’
25 minuti
25 minuti
Media

Tra i biscotti dei morti siciliani non possono assolutamente mancare le taralle ma anche i tetù siciliani, detti anche tetù e teio espressione siciliana che significa “uno a te e uno a me”.

Si tratta di biscotti che solitamente si trovano in due varianti, quella bianca ovvero i “teio” e quella al cioccolato, ovvero i “tetù”. In questo caso noi prepareremo la versione al cacao, che è la mia preferita.

Sono dei biscotti super golosi, con una glassa al cacao deliziosa e una consistenza morbida che si scioglie in bocca che vi conquisterà al primo assaggio. Insieme a taralle e reginelle arricchiscono il cosiddetto “cannistru”, ovvero quel cesto pieno di leccornie che si prepara ai bambini in occasione del 2 Novembre, ovvero il giorno della Commemorazione dei Defunti.

Scopriamo insieme come si preparano passo dopo passo.

Ingredienti per 20/25 tetù

  • 500 g di farina 00
  • 100 g di farina di mandorle
  • 50 g di cacao amaro in polvere
  • 100 g di zucchero semolato
  • 110 g di strutto
  • 70 g di mandorle pelate
  • 70 ml di latte
  • 5 g di ammoniaca per dolci
  • 1/2 cucchiaino di cannella
  • 160 g di marmellata di albicocche
  • 1 cucchiaino di sale

Ingredienti per la glassa al cacao

  • 375 g di zucchero semolato
  • 95 ml di acqua
  • 2 cucchiai di cacao amaro in polvere
tetù siciliani

Come fare i tetù siciliani

1. – 2. La prima cosa da fare per preparare i tetù siciliani è aggiungere all’interno di una ciotola la farina 00 e la farina di mandorle.

3. – 4. Aggiungete ora il cacao amaro in polvere e dell’ammoniaca per dolci.

preparazione dell'impasto
Preparazione dell’impasto

5. Potete aggiungere anche lo zucchero semolato e quindi mescolare con un cucchiaio così da amalgamare bene questi primi ingredienti.

6. – 7. Aggiungete ora lo strutto, che deve essere a temperatura ambiente, e successivamente la marmellata di albicocche.

8. tritate grossolanamente al coltello le mandorle pelate e aggiungetele al composto.

preparazione dei biscotti tatù
Impasto dei tetù siciliani

9. – 10. E’ il momento di aggiungere anche il sale e la cannella, aggiustando la quantità di quest’ultimo ingrediente in base ai vostri gusti.

11. Per ultimo aggiungete anche il latte, anche questo meglio se a temperatura ambiente.

12. Iniziate ora ad amalgamare tutti gli ingredienti all’interno della ciotola. Dovrete lavorare energicamente l’impasto così che tutti gli ingredienti si fondano tra loro.

ultimi ingredienti
Ultimi ingredienti

13. Ottenuto un panetto compatto vi potete spostare sul piano di lavoro dove continuerete a impastare così da rendere più morbido ed omogeneo il vostro panetto.

14. A questo punto potete ricavare dei tocchetti da circa 50 g ciascuno e lavorare tra le mani così da ammorbidirli ancora di più. Formate, quindi, una palla e schiacciatela leggermente. Ecco formato il nostro tetù. Continuate in questo modo così da formare tutti i biscotti.

15. I biscotti dei morti così formati andranno disposti su una teglia e quindi messi in forno preriscaldato statico a 180°C per circa 20 minuti.

16. Una volta pronti, i tetù andranno disposti su una gratella dove li farete freddare completamente. Potete far riposare anche tutta la notte prima di glassarli.

formazione dei tetù
Formazione dei tetù

17. Preparate quindi la glassa nel momento in cui decidete di glassare i vostri tetù. All’interno di una pentola aggiungete lo zucchero semolato.

18. Versate ora l’acqua e mescolate questi due ingredienti. Fate andare a fiamma media fino a portare il composto ad una temperatura di 110°C.

19. Se non avete un termometro da cucina, vi accorgerete di essere arrivati alla giusta temeperatura perchè il composto diventerà trasparente e si formeranno tante bolle sulla superficie. A quel punto potete spegnere la fiamma.

20. All’interno di una ciotola aggiungete del cacao amaro e versate un po’ dello sciroppo di zucchero che avete appena preparato.

preparazione della glassa
Preparazione della glassa

21. Dovrete mescolare con una frusta fino a far scendere la temperatura del composto a 60°C. Anche in questo caso, se non avete un termometro per alimenti capirete che il composto è arrivato a quella temperatura perchè la glassa inizierà a diventare più densa.

22. A quel punto potete glassare. Immergete il tetù nella glassa, rigiratelo per bene così da glassarlo in maniera uniforme e fate colare la glassa in eccesso.

.

23. I biscotti così glassati andranno disposti su una gratella dove si asciugheranno completamente e colerà la glassa in eccesso residua. Potranno essere consumati non appena saranno ben freddi e la glassa si sarà completamente asciugata.

Tetù nella glassa
Tetù nella glassa

Tetù Bimby

I tetù con il Bimby sono davvero facilissimi da preparare. Come prima cosa tritate le mandorle pelate per 3 secondi Velocità Turbo.

Mettete da parte e aggiungete le mandorle intere per ridurle in farina o direttamente la farina di mandorle e gli altri ingredienti secchi. A seguire aggiungete anche tutti gli altri ingredienti e fate lavorare il Bimby per 2 minuti a velocità 5.

Procedete poi alla formazione dei biscotti, alla cottura ed alla glassa.

Tetù e teio: perchè si chiamano così?

Come vi raccontavo prima questi dolci dei morti siciliani si trovano sia nella versione al cioccolato sia in quella bianca senza il cacao coperti con una semplice glassa di zucchero. L’espressione “tetù e teio” si può tradurre in italiano con “uno a te e uno a me”. Perchè si chiamano così? Perchè sono così golosi e buoni che uno tira l’altro e non ci si stancherebbe mai di mangiarli!

Tetù e teio con scarti di pasticceria

Eh si, in origine questi biscotti venivano preparati con degli scarti di pasticceria. Residui di biscotti, pasticcini e paste di ogni tipo venivano utilizzati come base per preparare questi particolari e buonissimi biscotti dei morti.

Agli scarti veniva poi aggiunta altra farina 00, farina di mandorle e zucchero più gli ingredienti liquidi e più grassi di questa ricetta. Una pratica che oggi è sempre meno utilizzata nelle pasticcerie ma che rende questi biscotti ancora più affascinanti.

I consigli di Flo

Non fate cuocere troppo a lungo i biscotti in forno perchè altrimenti perderebbero la loro caratteristica morbidezza che li rende tanto particolari.

E’ altrettanto importante impastare energicamente l’impasto perchè la farina di mandorle rilasci il suo olio e perchè tutti gli ingredienti si fondano alla perfezione. Non aggiungete altro latte o altro strutto. Basta solo avere un po’ di pazienza e di energia.

Preparate un po’ di glassa per volta, tenendo da parte lo sciroppo nel pentolino che così rimarrà a temperatura più alta. Quando la glassa inizia a diventare troppo densa, aggiungete dell’altro sciroppo e, se necessario altro cacao, e nuovamente abbassate la temperatura con le fruste. Se decidete di lavorare tutta la glassa e farla scendere di temperatura ma questa si addensa prima che abbiate finito di glassare aggiungete un po’ di acqua bollente. In questo modo la glassa tornerà più liquida e potrete continuare a glassare i vostri biscotti.

I biscotti tetù siciliani si conservano per al massimo una settimana in un contenitore ermetico. In questo modo rimarranno ben morbidi.

biscotti dei morti
ULTIME RICETTE
SEGUIMI SU