Cavolo cappuccio stufato

Tra i contorni facili e veloci che si possono preparare, il cavolo cappuccio stufato è tra quelli che preferisco. Una ricetta semplice perfetta per le giornate più fredde. Scopriamo insieme la ricetta e come arricchire questo piatto
PreparazioneCotturaDifficoltà
10 minuti20 minutiBassa

Nelle giornata più fredde dell’inverno o semplicemente quando ho voglia di un piatto caldo e semplice da fare, preparo sempre il cavolo cappuccio stufato, che è tra le mie ricette con cavolo cappuccio preferite!

Si tratta di un contorno semplicissimo da realizzare, che può essere accompagnato semplicemente con dei crostini di pane croccanti come ho fatto io ma che se volete si può arricchire in molti modi. Potete, infatti, aggiungere della pancetta o dello speck resi croccanti in padella. Il vostro piatto sarà ancora più goloso! Otterrete in questo modo con del cavolfiore cappuccio ricette sempre diverse, nuove e sfiziose!

Questa versione è molto semplice ed adatta anche ai bambini, ma se volete potete dare un tocco di sapore in più sfumando il cavolo cappuccio con del vino bianco. Sarà sempre ottimo!

In questo caso useremo un cavolo bianco! Si ottengono con il cavolo cappuccio ricette davvero sfiziose sebbene molto semplici. All’occorrenza, inoltre, si può usare al posto del cavolo cappuccio anche del cavolo verza

Scopriamo quindi insieme la ricetta e come cucinare il cavolocappuccio.

Ingredienti per 4 persone

  • 1 cavolo cappuccio
  • q.b. di brodo vegetale
  • q.b. di sale
  • 1 cipolla bianca
  • q.b. di olio extravergine d’oliva
  • q.b. di pane
  • q.b. di pepe nero

Come preparare il cavolo cappuccio stufato

La prima cosa da fare per portare a tavola del cavolo cappuccio stufato è dedicarsi proprio all’ingrediente principale di questo piatto, ovvero al cavolo cappuccio.

Dividetelo dapprima a metà e successivamente eliminate la parte centrale del cavolo, che è particolarmente dura.

Fatto questo riducete in quarti e quindi affettate così da formare delle listarelle. Lavate sotto acqua fredda corrente.

Dedicatevi ora alla cipolla, che andrà privata delle sfoglie esterne e quindi affettata.

Spostatevi ora all’interno di una pentola dove dovrete aggiungere un filo d’olio extravergine d’oliva e la cipolla appena affettata. Mescolate e fate appassire per un paio di minuti.

Potete quindi aggiungere il cavolo cappuccio. Mescolate ed aggiungete del brodo vegetale caldo. Aggiustate di sale in base ai vostri gusti. Coprite ora con un coperchio e fate cuocere per circa 10-15 minuti.

Di tanto in tanto mescolate ed aggiungete dell’altro brodo vegetale caldo se necessario, così che il cavolo cappuccio abbia sempre liquido a sufficienza per poter cuocere.

Dedicatevi quindi ai crostini. Tagliate il pane a fette e disponetelo su una teglia. Cospargete con olio extravergine d’oliva, sale e pepe. Mettete in forno preriscaldato ventilato a 200°C per circa 10.15 minuti o fino a quando i crostini saranno dorati al punto giusto.

Non resta che servire il cavolo cappuccio cotto ben caldo accompagnando con i crostini appena preparati.

Cavolo cappuccio stufato con pancetta

Come detto prima, potete arricchire il cavolo cappuccio stufato con pancetta o con speck croccante.

In questo caso procedete come da ricetta alla preparazione del cavolo cappuccio. I cubetti di speck o di pancetta andranno invece passati in una padella calda per qualche minuto, senza aggiungere altri grassi. In pochi minuti inizierà a rilasciare del grasso ed a dorarsi diventando croccante. Non vi resterà che aggiungere i cubetti al cavolo cappuccio ormai pronto. Il vostro piatto sarà ancora più gustoso.

Cavolo cappuccio stufato al vino bianco

Per una nota di sapore in più al piatto potete stufare con del vino bianco.

In questo caso potete aggiungete il cavolo cappuccio in pentola e far andare mescolando costantemente per 2-3 minuti. Quando sarà ben caldo potete sfumare con il vino bianco, far evaporare e solo dopo aggiungere il brodo vegetale e far quindi proseguire la cottura.

Come cucinare il cavolo cappuccio gratinato

Se avete voglia di nuove idee golose per delle ricette cavolo cappuccio al forno o cavolo cappuccio gratinato faranno proprio al caso vostro!

Potrete, infatti, far cuocere il cavolo in forno oppure potete prepararne una versione gratinata, un po’ come abbiamo fatto con la verza gratinata al forno. Anche in questo caso, infatti, potete disporre il cavolo bianco sbollentato in una pirofila e poi cospargere con del pangrattato aromatizzato e un mix di salumi e formaggi. Otterrete un risultato ancora più sfizioso!

∽  I CONSIGLI DI FLO ∽

Volendo potete anche preparare dei cubetti di pane da far dorare in padella con dell’olio ed aggiungerli quindi al cavolo cappuccio una volta impiattato.

Il cavolo cappuccio stufato si conserva per al massimo un paio di giorni in frigorifero in un contenitore ermetico. Prima di servirlo nuovamente potrete scaldarlo a fiamma media per qualche minuti oppure passandolo al microonde per 2 minuti.

cavolo cappuccio stufato in bianco
Cavolo cappuccio stufato